Harley-Davidson

QUATTRO FONDATORI

I fondatori delle Harley-Davidson, da sinistra a destra: Arthur Davidson, Walter Davidson, William Harley e William Davidson.

 

Harley-Davidson

La Harley-Davidson Motor Company è un costruttore di motociclette statunitense, l'ultimo grande costruttore rimasto negli USA. La sua sede è, dalle origini, a Milwaukee, Wisconsin. Conosciuto anche come Harley è quotato nella borsa di New York con la sigla HDI. Le moto prodotte da questa ditta posseggono un design inconfondibile e la marca, per la sua storia e per il design, possiede una folta schiera di fedeli appassionati, ma anche di critici.

Logo recente Harley                        

                                                               

Logo recente Harley                            

La produzione della Harley-Davidson si concentra su motociclette di grande cilindrata, comunque sopra i 750 cc, pensate per i lunghi viaggi e che producono un caratteristico, e non sempre gradito, rumore di scarico. Un altra caratteristica è data dal motore bicilindrico a V che contraddistingue da anni la produzione della casa motociclistica.

Coloro che non sono fan della marca affermano invece che queste moto sono sottopotenziate, con prestazioni scarse e dal design discutibile. Vengono anche accusate di essere poco maneggevoli e con delle sospensioni inadeguate. Questa ultima critica viene associata al fatto che queste 2 ruote sono pensate per viaggiare sulle lisce e diritte strade americane.

La Harley-Davidson rifornisce con le sue moto anche numerose flotte delle forze di polizia americane. Inoltre queste moto sono associate alla lunga tradizione di personalizzazione che ha dato vita allo stile chopper.

 

 

Inizi

La Harley-Davidson nacque quasi in sordina nel 1901 a Milwaukee quando William Harley, di 21 anni, e Arthur Davidson, di 20, costruirono un prototipo di una bicicletta motorizzata. Questo mezzo venne realizzato nel garage di Davidson che misurava 3 metri per 5. Il loro prototipo funzionò e alla società si unirono i due fratelli di Davidson, William e Walter. Nei primi due anni furono venduti solo tre esemplari.

La Harley-Davidson venne ufficialmente fondata il 28 Agosto 1903 e da questa data cominciò la produzione. Furono apportati molti cambiamenti al prototipo tra i quali un telaio di nuova progettazione. Nonostante questo la produzione di quell'anno rimase di tre moto.

Nel 1906 venne costruito il loro primo stabilimento, in Janeau Avenue, dove ancora oggi si trova del quartiere generale della ditta. Il garage originale venne demolito accidentalmente durante la costruzione del nuovo edificio. Questo nuovo impianto misurava 9 per 24 metri. La produzione delle Harley-Davidson crebbe gradualmente e con i nuovi impianti fu possibile produrre, nel 1907, 150 motociclette. Questo anno si rivelò importante per la casa in quanto cominciò la vendita, che dura tutt'ora, delle prime moto alle forze di polizia.

Le prime moto erano tutte monocilindriche. Il primo motore bicilindrico a V di 45° venne introdotto nel 1909, il V-Twin. Questo motore non era ancora il cavallo da tiro che è divenuto attualmente. La sua cilindrata era di soli 810 cc (49,6 in 3) e erogava 7 hp (5 kW), che comunque era una potenza doppia rispetto a quella fornita dai precedenti propulsori. La velocità massima che potevano raggiungere le moto di questo periodo era di 97 km\h, un valore che poteva essere considerato buono per quell'epoca. La produzione fu di 1.149 esemplari.

Il successo della Harley-Davidson le attirò molti concorrenti, tanto che nel 1911 se ne annoveravano circa 150.

Nel 1913 lo stabilimento originale venne ingrandito e raggiunse una superficie di 28.000 mq. Nonostante la dura competizione la Harley-Davidson restava il costruttore più importante e dominava anche le competizioni motociclistiche. In questo anno la produzione raggiunse i 12.904 esemplari.

 

La prima guerra mondiale

Nel 1917 gli Stati Uniti entrarono nel conflitto che da tre anni si era scatenato in Europa. I militari richiesero delle moto da poter utilizzare nelle operazioni. Le Harley-Davidson erano già state provate dalle forze armate durante le schermaglie di confine contro Pancho Villa, ma fu solo con la prima guerra mondiale che le motociclette furono adottate in grandi numeri; La società ne fornì circa 45.000 esemplari. Queste moto erano di cinque modelli, due monocilindriche e tre bicilindriche (18F monomarcia 18G e 18J dotate di tre marce) di circa 1000 cc di cilindrata. Nelle stesso tempo la ditta consolidava la sua posizione di fornitore delle forze di polizia.

 

Anni '20 e '30

Nel 1920 la Harley-Davidson era divenuto il più grande costruttore di motociclette al mondo. La fine del conflitto aveva portato ad un periodo di crisi nel quale molte piccole case erano scomparse mentre la casa del Wisconsin aveva sviluppato la sua rete di vendita ed ora era presente in 67 paesi producendo 28.189 motociclette. Il 28 aprile 1921 fu raggiunta una pietra miliare nella storia del motociclismo quando una Harley-Davidson fu la prima moto a raggiungere i 160 km\h (100 mph). Durante questo periodo vennero introdotti diversi cambiamenti tra i quali un nuovo motore bicilindrico a V da 1.200 (74 in3) cc di cilindrata (1922), il tipico serbatoio detto Teardrop (lacrima) che può ancora oggi essere visto sulle moto (1925) e il freno anteriore (1928). Nel 1926 la Harley-Davidson decise di ritirarsi dalla competizioni a causa dei forti investimenti richiesti. Con la Grande Depressione degli anni trenta solo due costruttori restarono in attività: la Indian e la Harley-Davidson.

 

Seconda guerra mondiale

Con l'entrata degli Stati Uniti nella seconda guerra mondiale la Harley-Davidson ritornò a produrre, in grandi numeri, motociclette per le forze armate. I modelli prodotti erano la WLA e la XA. Quest'ultima era una copia della BMW Sahara e, come l'originale era dotata di un motore bicilindrico boxer. Fu l'esercito stesso che richiese di produrre una copia della moto tedesca; i militari erano rimasti impressionati dalla scarsa manutenzione necessaria alla moto e dalla sua grande affidabilità. In totale la Harley-Davidson produsse durante il secondo conflitto mondiale 88.000 motociclette. Di queste solo 1.000 furono delle XA.

Le moto surplus andarono ad alimentare il mercato post-bellico europeo. Furono adottate da molte forze armate e per alcuni aspetti alimentarono il sogno americano degli europei.

Con la fine del conflitto la ditta ritornò alla produzione civile con la messa in commercio di un grande numero di bicilindriche di grande cilindrata che conobbero il successo sia commerciale che sportivo.

 

 

Dalla crisi degli anni'70 ad oggi

Agli inizi degli anni '70 la Harley-Davidson aveva cessato di essere una industria innovativa in campo motociclistico e le sue moto erano rimaste fondamentalmente immutate per un lungo periodo di anni, inoltre erano anche costose. La maneggevolezza e la qualità erano inferiori a quelle delle moto giapponesi dell'epoca.

Nel 1969 la Harley-Davidson Motor Company era stata acquistata dalla AMF (American Machine and Foundry). La AMF continuò la produzione riducendo drasticamente la forze lavoro. Questo atteggiamento comportò uno sciopero dei lavoratori e un abbassamento della qualità. Le vendite diminuirono, la qualità precipitò e la compagnia rischiò la bancarotta. Vennero anche coniati dei giochi di parole sul, una volta riverito, nome della ditta che venne chiamata Hardly Ableson (gioco di parole che può essere tradotto come a stento capace in inglese hardly able, il -son dovrebbe derivare da Davidson) mentre il soprannome Hog (sudicio) aveva assunto una valenza, nello stesso tempo, affettuosa e dispregiativa.

Nel 1981 l'AMF rivendette la Harley-Davidson ad un gruppo di 13 investitori guidati da Vaughn Beals e Willie G. Davidson. Venne introdotto il modello Sturgis. Per riportare in attivo la ditta vennero studiati i metodi seguiti dai concorrenti e in particolare dai costruttori giapponesi. Vennero introdotte quindi delle novità quali il sistema MAN (Material As Needed) che consisteva in un monitoraggio costante dell'inventario in modo che fosse stoccato solo quanto necessario e altri sistemi di qualità.

Lentamente la ditta aumentò le vendite e gradualmente catturò un nuovo flusso di fedeli acquirenti di moto Harley-Davidson. Fu però solo con l'introduzione del modello Fat Boy nel 1990 che l'Harley tornò ad essere leader nel mercato delle moto di grande cilindrata (sopra i 750 cc). Il nome scelto per questa moto scatenò una controversia in quanto si disse che era ispirato al nome di una delle bombe atomiche sganciate sul Giappone nella seconda guerra mondiale. La ditta negò decisamente questo legame e affermò che il tutto era frutto di una pura coincidenza.

Dal punto di vista commerciale piuttosto che inseguire i concorrenti sul loro stesso terreno il nuovo management decise di accentuare lo stile retrò della produzione puntando a costruire delle moto che deliberatamente adottassero il look, personalizzazioni comprese, delle prime motociclette e riproponessero le sensazioni che queste facevano vivere ai loro proprietari.

La qualità crebbe e furono introdotti anche dei miglioramenti tecnologici. Questo però avvenne gradualmente senza che venisse stravolto il progetto originale delle moto.

Le Harley-Davidson nuove sono in un certo senso delle future classiche ed è questa probabilmente la ragione del mantenimento del loro valore rispetto ad altre moto. Una moto in buone condizioni può addirittura arrivare a non perdere affatto valore, naturalmente se viene effettuata una regolare manutenzione e si limitano le personalizzazioni.

Paradossalmente la Harley-Davidson produce più profitti con l'usufrutto del suo marchio per la produzione di merchandise che con la vendita delle motociclette. Nel 1997 la Ford Motor Company produsse una versione Harley-Davidson, con tanto di marchio aziendale, di un suo veicolo commerciale della F-Series. Sembra che questo tentativo verrà seguito nel 2006 da un pick up Ford F-150 sempre Harleyzzato.

 

Nel 1998 la Harley-Davidson ha acquistato Buell Motorcycle Company con cui collaborava da anni. Infatti la Buell nacque da una collaborazione tra la ditta di Milwaukee e Eric Buell, ex ingegnere della ditta stessa. Inizialmente veniva montato il motore della Harley-Davidson Sportser su un telaio progettato da Buell.

 

I motori della Harley-Davidson

Il motore classico della Harley-Davidson è il bicilindrico a V con i cilindri inclinati di 45°, il cui progetto è coperto da numerosi brevetti. Le bielle di questo tipo di motore, sono vincolate ad un unica manovella dell'albero motore. Questo fa si che venga prodotto il caratteristico rumore di scarico (reso in inglese come potato-potato). Infatti si viene a creare una differenza di 405° tra uno scoppio e l'altro di ogni cilindro.

La Harley-Davidson cercò anche di brevettare il suono del suo motore ma nel 2000, dopo anni di controversie, di cui non si vedeva la fine, con gli altri costruttori che affermavano al contrario che ogni motore bicilindrico con le stesse caratteristiche tecniche del motore Harley produce quello stesso rumore, ha ritirato la sua richiesta.

I primi modelli Harley-Davidson avevano dei motori sperimentali, a questi seguirono:

 

Modelli e loro designazione

La designazione dei modelli della Harley-Davidson può essere estremamente lunga , per esempio FLHTCSE, e alcune combinazioni non hanno senso se si seguono le guide pubblicate. In generale, la prima lettera F significa Big Twin, M - Military, X - Sportster, or V - V-Rod. Altre iniziali comprendono: B - Belt Drive, C - Classic o in qualche caso Custom, D - Dyna Glide, DG - Disk Glide, E - Electric start, F - Fatboy, H - High compression, L - forcelle Hydra Glide, LR - Low Rider, P - Police, R - Race o Rubber mount, S - Sport o Springer, SB - Single belt final drive, ST - Softail, T - Touring, WG - Wide Glide.

In aggiunta alle precedenti designazioni questi numeri o lettere possono, in qualche caso, venire aggiunti: 2,3,4 - Custom Vehicle Operations, I - Fuel injection, SE - Screamin' Eagle, U - Ultra Caveat. In ogni caso queste regole sono infrante regolarmente.

 

Il centenario

Nel 2003 la Harley-Davidson Company ha celebrato il suo 100 compleanno. Durante il fine settimana della Festa del Lavoro la città di Milwaukee (dove la Harley-Davidson è nata e tuttora mantiene il suo quartier generale) ha ospitato il più grande raduno di Harley-Davidson, se non il più grande raduno motociclistico, della storia.

 

Altri raduni

(Negli USA)

 

L'Harley Owners Group

La Harley-Davidson ha fondato nel 1983 l'HOG (Harley Owners Group) in risposta al crescente desiderio dei possessori di moto Harley di avere un gruppo organizzato per condividere la propria passione e mostrare il proprio orgoglio. Nel 1985 erano 49 i club locali che erano nati in tutti gli USA, con un totale di 60.000 associati. Questa crescita rapida è continuata negli anni '90 e nel 1991 l'associazione divenne internazionale con il primo raduno tenutosi in Inghilterra a Cheltenham. In tutto il mondo i membri dell'HOG sono 151.600 con 685 sedi. Come successo durante gli anni '90 l'Harley Owners Group si è diffuso in tutto il mondo. In Asia ci sono associazioni a Singapore e a Kuala Lampur in Malesia. Nel 1999 il numero dei club ha raggiunto la cifra di 1.157. Ad oggi (2002) i membri sono più di 800.000 e fanno della Harley Owners Group la più grande organizzazione motociclistica sponsorizzata da una marca del mondo e non ci sono segni di un rallentamento.

 

 

Wisconsin                   

 

Il Wisconsin è uno stato degli USA; il 23° per superficie e il 18° per popolazione (5.453.896 abitanti al 2002). Il nome dello stato è un inglesizzazione dell'adattamento francese di un nome indiano che si dice significhi "il luogo dove viviamo".

Le bellezze naturali dello stato hanno reso il Wisconsin uno dei luoghi di vacanza preferiti degli statunitensi.

 

 

 

Badger State

Informazioni

Nome originale:

Wisconsin

Capitale:

Madison (208.054 ab./ 2000)

Città più popolosa:

Millwaukee (596.974 ab./ 2000)

Area

Superficie:

189.790 km²

Posizione (USA):

23°

Sup. terra:

140.787 km²

Sup. acqua e (%):

28.006 km² - 17 %

Popolazione

Totale:

5.509.026 ab. (2004) (fonte: U.S. Census Bureau)

Posizione (USA):

20°

Densità:

39,13 ab./km²

Geografia

Pena di morte:

abolita nel 1853

 


 

 

 

 

 

 

 

LA BARACCA

La prima officina in cui William S. Harley e Arthur Davidson costruirono le prime motociclette era un capanno di legno che misurava 3x4,5 metri sulla cui porta erano state scarabocchiate frettolosamente le parole "Harley-Davidson Motor Company". Questa struttura si trovava nel cortile sul retro dell'abitazione del padre di Arthur, Willam C. Davidson

 

 

 

 

SCUOLA PER MECCANICI HARLEY-DAVIDSON - 1916

Da Harley-Davidson's Service School fu creata nel 1916. Chiamata originariamente Quartermaster School (scuola per furieri), i suoi corsi erano stati organizzati con l'intento di addestrare i meccanici dell'esercito nelle operazioni di riparazione delle motociclette militari. In quest'immagine sono ritratti i partecipanti ad uno dei primi corsi tenuti da Harley-Davidson per la Service School.

 

 

 

 

 

UNA DELLE PIU' VECCHIE FOTO DISPONIBILI DI UNA MOTOCICLETTA HARLEY-DAVIDSON

Questa è una delle uniche due fotografie esistenti delle prime motociclette Harley-Davidson. Quella ritratta è una delle prima tre motociclette costruite. Scattata a Chicago nel 1912 questa foto mostra alcune modifiche apportate dal proprietario. Non si sa dove attualmente si trovi questa motocicletta.

 

 

 

 

SERIAL NUMBER 1: LA PRIMA MOTOCICLETTA

La prima motocicletta - quella con il numero di serie "Serial No. 1", appunto - è stata restaurata e oggi è esposta nell'atrio dell'edificio situato in Juneau Avenue a Milwaukee. Costruita per raggiungere grandi velocità, è stata la prima motocicletta messa in vendita al pubblico.

 

 

 

 

 

SPORTSTER - 1957

La Sportster è stata prodotta la prima volta nel 1957, per sostituire i precedenti modelli "K" della Harley: questa motocicletta ha cambiato per sempre la faccia delle motociclette sportive.

 

 

 

 

Click to enlarge

 

 

 

 

una degli esperimenti per climbin